Logo del Parco
Logo Parchi Reali
Logo UnescoLogo Patrimonio Mondiale
Visita virtuale
Foto della testata
Home » Mandria » Il Parco » Storia

Il Medioevo

Il Medioevo a La Mandria è documentato dalla presenza nel territorio di Druento dei resti dell'antico ricetto di Rubbianetta. Qui sono tutt'ora visitabili i ruderi dell'antico ricetto con i muri del Castello e la chiesetta splendidamente affrescata di San Giuliano.

Il territorio faceva parte del Viscontato di Baratonia. Il nome di Ottone, Visconte di Baratonia, compare vicino a quello della Contessa Adelaide, allora reggente la marca di Torino, forse per la prima volta nel 1075. Il dominio dei Baratonia si estendeva inizialmente tra la Dora Riparia e lo Stura ed in seguito anche alle zone limitrofe, sino alle rive del torrente Ceronda.

Il Castello della Rubbianetta, "Castellaccio", de La Mandria può rappresentare l'avamposto di un antico sistema di controllo militare a guardia di Torino e dei valichi montani. Nel tempo la struttura difensiva assunse con ogni probabilità la funzione di ricetto a protezione del Borgo rurale sorto attorno alla Chiesa di San Giuliano.

Nel 1343 il territorio passò sotto il potere dei Provana di Carignano. In particolare il ramo generato da Leonetto, consigliere di Leinì, si distinse a partire dal 1500 circa con l'appellativo di Druent e Rubbianetta.

Nella seconda metà del 1500, Carlo Provana era stato "arrogato in figlio" da Francesco di Druent dalla linea di Ardizzone. Nonostante questa arrogazione fosse poi stata annullata, egli comunque succedeva nei feudi di Druent e Rubbianetta, in virtù di lettere patenti di donazione del Duca Carlo Emanuele I. Il matrimonio di Carlo con Paola Henry de Crémieux (la cui famiglia proveniva dal Delfinato e si era da poco stabilita in Piemonte dove possedeva il feudo di Altessano) e l'eredità dei Druent, favorì l'accumulo di una serie di feudi e proprietà allodiali, tutte situate da Madonna di Campagna verso le terre di Druent ed Altessano, costituendo un insieme territoriale di estese dimensioni, reddito e potere. Carlo Provana morì nel 1599.

Castellaccio
Castellaccio
 
Chiesa di San Giuliano - interno
Chiesa di San Giuliano - interno
 
Chiesetta di San Giuliano
Chiesetta di San Giuliano